Mercoledì 1° marzo 2017, ore 17.30: Celebrazione eucaristica con benedizione e imposizione delle ceneri

Con il tenue suono della campana dedicata alle anime del Purgatorio -la quarta campana in ordine di grandezza, quella rivolta a Firenze- ha inizio alla mezzanotte fra martedì e mercoledì prossimi la Santa Quaresima, tempo benedetto di conversione, cioè di ritorno al Signore, austero itinerario alla riscoperta umile e liberante del Suo primato nella nostra vita e nella storia. Propiziano tale cammino esodico, che dura non a caso quaranta giorni –il numero cioè degli anni di Israele e dei giorni di Cristo nel deserto-, un tempo di maggiore durata e qualità da dedicarsi all'ascolto della Parola di Dio e ad una nostra accorata e orante risposta; il digiuno, come esercizio psicofisico di smussamento delle nostre pretese di sopravvivenza egoistica; piccole o meno piccole astinenze da consuetudini più appaganti che veramente utili; infine una maggiore generosità e sollecitudine nelle opere di misericordia e di carità verso gli ultimi e gli indigenti. La nostra Comunità monastica si impegna a sostenere nella sua povera ma fervida preghiera il cammino di coloro che vorranno condividere nella fede il suo impegno quaresimale perché per noi tutti, sorelle e fratelli vicini e lontani, questo tempo forte di memoria del nostro peccato e di conseguente penitenza sia non una palestra estrema di prestazioni ascetiche tanto virtuosistiche quanto vanamente gratificanti, bensì una stagione della vita finalmente purificata e rigenerata dall’amore senza fine di Cristo Signore, la cui Pasqua in questi quaranta giorni vogliamo attendere, come ci insegna San Benedetto nella sua Regola, «con l'animo fremente di gioioso desiderio».

Nella celebrazione eucaristica delle 17.30 -unica Santa Messa del giorno- verranno benedette e imposte ai fedeli le Sante Ceneri.